magnify
Home O.G.M. Venezuela: un altro Paese dice NO agli OGM!

Venezuela: un altro Paese dice NO agli OGM!

Published on June 19, 2013 in O.G.M.

Altri due Paesi hanno preso una posizione coraggiosa contro gli organismi geneticamente modificati (OGM), secondo i nuovi rapporti. La nazione sudamericana del Venezuela sta attualmente elaborando una legge per vietare a colture e sementi transgeniche di entrare nel Paese, ed in Danimarca il “gigante biotech” Monsanto ha completamente ritirato tutti i suoi sforzi atti ad introdurre il suo business nella nazione europea, dove le aziende alimentari e pubbliche hanno tutte respinto gli OGM.


 

Come riporta il venezuelano Prensa Latina, i leader della nazione riconoscono i pericoli insiti nell’adozione di tecnologie agricole transgeniche, in particolare per quanto riguarda la biodiversità delle piante e la sovranità alimentare. Per sostenere e difendere il suo ricco patrimonio agricolo, in altre parole, il Venezuela sa che deve porre limiti rigorosi al suo mercato delle sementi, e sostenere gli sforzi dei piccoli agricoltori che sono il pane quotidiano del suo approvvigionamento alimentare “pulito”.
 
“La nuova legislazione dovrebbe tutelare i piccoli e medi produttori, favorire l’utilizzo di sementi per l’ambiente e la salute umana, e la creazione di un istituto di lavoro sul tema”, ha spiegato il deputato socialista venezuelano Alfredo Urena, riguardo ai cambiamenti da attuare. Ha poi aggiunto che sono necessarie leggi contro sementi transgeniche e pacchetti tecnologici per proteggere sia l’approvvigionamento di cibo che la salute umana.
 
Inoltre Urena ha detto che il progetto di legge – incluso lo scorso anno nell’agenda parlamentare – dovrebbe essere in discussione generale il prossimo mese, e comprende la fondazione di un Istituto Nazionale di semi che legalizza e certifica la produzione agricola del paese.
 
Lo specialista – che collabora nella formazione della legge – ha detto che sono stati anche scelti dei professionisti che faciliteranno il cammino verso per una transizione agro-ecologica.
 
Pertanto un’altra nazione dice NO AGLI OGM!
 
Per conoscere tutti i danni causati da semi e cibi transgenici, quali sono le alternative e le possibili vie d’uscita, scaricate l’eBook gratuito “DOSSIER OGM: Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici” Cliccando qui

 
 

CAMPAGNE CONTRO GLI OGM
DELL’ASSOCIAZIONE SUM E LAVIADIUSCITA.NET

 

Laviadiuscita.net é un’iniziativa dell’Associazione SUM. Essa si batte contro gli OGM da quando sono nati. Abbiamo ideato e promosso i più importanti Convegni Internazionali in Italia e all’estero per diffondere le giuste informazioni e denunciare la pericolosità degli OGM, che sono tra gli elementi più pericolosi della Terra, a livello di genocidio mondiale. L’ultimo Convegno avvenuto in Italia é stato quello fatto a Lecce il 20 Febbraio 2010, intitolato “PUGLIA LIBERA DA OGM”. E’ possibile vedere i video su YOU TUBE di questo nostro Convegno dove hanno partecipato i più grandi esperti mondiali, scienziati, ricercatori e contadini che hanno avvisato l’Umanità sulla estrema pericolosità degli OGM.

 
 

CONVEGNO
“PUGLIA LIBERA DA OGM”

 

L’inviolabilità della memoria genetica di tutti gli esseri viventi
per uno sviluppo rurale agroecologico a tutela dei diritti umani.

 

20 febbraio 2010
Castello Carlo V – Salone Maria d’Enghein – Lecce

 

L’Associazione S.U.M., in collaborazione con il Comune di Lecce, ha organizzato questo convegno nell’ambito della sua Campagna “PUGLIA LIBERA DA OGM” ideata e promossa in seguito all’entrata in vigore, dal 1° gennaio 2009, del nuovo Regolamento Europeo 834/2007 che estende anche ai prodotti biologici la soglia di tolleranza dello 0,9% di OGM, senza obbligo di segnalarlo in etichetta, come già avviene da anni negli alimenti e mangimi convenzionali.
Il Convegno è stato un importante momento di informazione e di aggregazione delle forze anti-OGM: tra i relatori invitati erano infatti presenti ricercatori indipendenti di fama internazionale e studiosi che hanno presentato i risultati delle loro ricerche sugli OGM.
L’incontro è stato anche occasione per dare voce alla testimonianza diretta di chi ha già sperimentato i danni causati dalla coltivazione degli OGM in altre parti del mondo.
Alla Campagna “PUGLIA LIBERA DA OGM” hanno già aderito, con delibera, più del 40% dei comuni pugliesi (258), vari enti e associazioni e migliaia di cittadini. L’Associazione SUM ha presentato queste adesioni alla Regione Puglia per testimoniare la volontà di avere una Puglia libera da OGM.
L’Associazione SUM continua a promuovere la Campagna “PUGLIA LIBERA DA OGM”, le delibere di adesione dei comuni sono in continuo aumento.

 

Visualizza il programma del Convegno

Visualizza il manifesto del Convegno

Visualizza il volantino del Convegno
 
 
VIDEO DEL CONVEGNO
 
PUGLIA LIBERA DA OGM PARTE 1
http://youtu.be/oVGp-TPbtJQ
 
PUGLIA LIBERA DA OGM PARTE 2
http://youtu.be/cFqHSCB3Pi0
 
PUGLIA LIBERA DA OGM PARTE 3
http://youtu.be/eLD4gtqFpYw
 
CONVEGNO PUGLIA LIBERA DA OGM
(Salento WebTv)

http://www.youtube.com/watch?v=SmZjJReB744
 
 
Per richiedere il DVD del CONVEGNO contattare:
Associazione S.U.M. – Stati (Popoli) Uniti del Mondo
Casella Postale n° 4 – 73024 MAGLIE (Le) – tel. 0836/484851
statiunitidelmondo@tin.it

 
 

Per conoscere tutti i danni causati da semi e cibi transgenici, quali sono le alternative e le possibili vie d’uscita, scaricate l’eBook gratuito “DOSSIER OGM: Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici” Cliccando qui

 

ATTENZIONE:

 ;

ENTRO QUEST’ANNO SARA’ PRESENTATO IL “PROGETTO COMUNE SANO” PER AVERE COMUNI LIBERI DA OGM E DA OGNI ALTRO TIPO DI INQUINAMENTO NOCIVO ALLA SALUTE E ALL’AMBIENTE.
 
VAI ALLA PAGINA “SOS TERRA” PER LEGGERE LA BREVE PRESENTAZIONE DI QUESTO IMPORTANTE PROGETTO.
 

SOSTIENICI E
RIMANI SINTONIZZATO

 
www.laviadiuscita.net

 


Fonti:
http://www.gmwatch.org/index.php?option=com_content&view=article&id=14878:venezuela-goes-for-ban-on-gm-seeds
http://www.naturalnews.com/040841_GM_seeds_Monsanto_global_agriculture.html
 
 

Print Friendly

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.