magnify
Home PESTICIDI, ERBICIDI E ALTRE SOSTANZE CHIMICHE Nuovo studio canadese trova più di 100 sostanze chimiche nei cordoni ombelicali di neonati

Nuovo studio canadese trova più di 100 sostanze chimiche nei cordoni ombelicali di neonati

Un gruppo ambientalista canadese ha testato i cordoni ombelicali di tre bambini in Canada e ha concluso che i bambini canadesi sono inquinati già prima della nascita. L’Environmental Defence ha testato i cordoni ombelicali di questi neonati alla nascita nelle città di Toronto e di Hamilton ed ha rilevato un gran numero di sostanze chimiche ambientali presenti al loro interno.


 

Il rapporto, intitolato, “Pre-Polluted: A Report on Toxic Substances in the Umbilical Cord Blood of Canadian Newborns,” (“Pre-Inquinante: Un Rapporto sulle sostanze tossiche nel sangue del cordone ombelicale dei neonati canadese”), è stato pubblicato Mercoledì. Si dice che il numero di sostanze chimiche nocive rinvenuto è risultato pari a 137 e il numero di inquinanti in ciascuno dei cordoni ombelicali del bambino andava da 44 a 121.
 
Questa scoperta solleva preoccupazioni che i neonati sono esposti a sostanze inquinanti nel grembo materno. Lo studio ha detto che questo avviene perché le tossine chimiche sono pervasive nell’ambiente e nei beni di consumo. Alcuni di questi inquinanti sono stati collegati al cancro e ad altri problemi legati allo sviluppo.
 
Secondo i ricercatori, i risultati sono preoccupanti. A differenza di un adulto, un feto può assorbire elevati livelli di sostanze chimiche a causa della sua rapida crescita. Inoltre, un feto non è in grado di eliminare le sostanze chimiche nel modo più efficiente come un adulto, perché i loro “meccanismi di detossificazione” sono ancora in fase di sviluppo.
 
“Questa è la prova che i nostri bambini – che sono estremamente vulnerabili – sono gravati da un carico di sostanze chimiche tossiche già prima di nascere” ha dichiarato Maggie MacDonald, direttore del programma “sostanze tossiche” dell’organizzazione.
 
Una questione più preoccupante, secondo il rapporto, è che un feto attraversa una rapida divisione cellulare. Alcune sostanze chimiche nocive imitano gli effetti degli ormoni che giocano un ruolo importante nel corretto sviluppo del feto e mantengono una gravidanza sana.
 
MacDonald, ha dichiarato che non è possibile per le mamme in attesa proteggere i propri figli da sostanze chimiche tossiche, perché queste sostanze chimiche sono troppo diffuse nel nostro ambiente.
 
“Vogliamo dire alle madri che non è colpa loro se i loro bambini sono inquinati con queste sostanze chimiche tossiche”, ha detto ai giornalisti.
 
Le tossine che sono state trovate in cordoni ombelicali nello studio dei neonati, erano ritardanti di fiamma, piombo, pesticidi organoclorurati e perfluorochemical (PFC), una sostanza chimica trovata in pentole antiaderenti, tappeti e tessuti antimacchia, rivestimenti su alcuni imballaggi alimentari come popcorn a microonde, sacchetti e involucri di fast food.
 
Inoltre, alcuni prodotti chimici vietati sono stati rilevati nei risultati dello studio, suggerendo che elementi chimici tossici possono persistere nel nostro corpo e nell’ambiente per anni.
 
Il gruppo ha espresso la preoccupazione in merito ai risultati del loro studio che hanno indicato quanto i bambini siano esposti a sostanze chimiche in grembo materno a causa della diffusa presenza di questi inquinanti nell’ambiente e nei beni di consumo.
 
“I canadesi dovrebbero avere il diritto di vivere in un ambiente pulito e sano. Ma i nostri test indicano che prima della nascita, i nostri corpi sono già contaminati da sostanze chimiche pericolose, alcune delle quali sono state vietati da decenni”.
 
MacDonald dice che i consumatori possono ridurre gli effetti delle sostanze chimiche nocive non comprando prodotti che contengono sostanze chimiche, come i tessuti con repellenti macchia o pentole antiaderenti. “Costringendo così l’industria a smettere di usare queste sostanze chimiche nei loro prodotti”.
 
Inoltre, ha suggerito, i canadesi devono esprimere la necessità di un cambiamento anche attraverso petizioni e facendo sentire la loro voce. Ed ha aggiunto che “i governi devono intervenire testando la presenza di sostanze chimiche nei prodotti prima di permettere il loro ingresso nel mercato.”
 
“E quando si è deciso tra scienziati e governi che alcune sostanze chimiche sono tossiche per gli esseri umani, scadenze chiare e rigorose devono essere regolate in modo che queste sostanze chimiche possano essere eliminate dalle nostre vite” ha detto MacDonald.
 

 
Già nel 2009 uno studio statunitense aveva rilevato più di 200 sostanze chimiche nel cordone ombelicale di neonati.
 
Lo studio dell’Environmental Working Group fece esaminare il sangue del cordone ombelicale di 10 bambini tra afro-americani, ispanici e asiatici e trovò più di 200 sostanze chimiche in ogni neonato tra cui anche il controverso additivo delle plastiche bisfenolo A , o BPA, che imita gli estrogeni ed ha dimostrato di causare problemi di sviluppo e crescita precancerosa negli animali.
 
Di studi e test che dimostrano quanto siamo esposti e contaminati da sostanze chimiche ce ne sono tanti. Alcuni di questi li abbiamo raccolti in un eBook gratuito che potete liberamente scaricare cliccando sul link qui sotto:
 
– eBook gratuito: “Sai cosa causano alla salute PESTICIDI, ERBICIDI e CONCIMI CHIMICI?”
 
Non dimentichiamo che la minaccia più grande viene anche e soprattutto dai cibi che ingeriamo quotidianamente che, se non biologici, sono impregnati di centinaia di sostanze tossiche altamente nocive per la salute umana!
Essere informati è un nostro diritto/dovere!

 

www.laviadiuscita.net

 


Fonti per questo articolo:
http://guardianlv.com/2013/06/umbilical-cord-study-finds-canadian-babies-polluted-before-birth/ (di Perviz Walji)
http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=newborn-babies-chemicals-exposure-bpa&page=2

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.