magnify
Home ALIMENTAZIONE E SALUTE L’USDA dichiara che i residui di pesticidi nei cibi sono “sicuri”. Ecco perchè non è vero…

L’USDA dichiara che i residui di pesticidi nei cibi sono “sicuri”. Ecco perchè non è vero…

usda ogm roundup laviadiuscita

Numerose ricerche hanno dimostrato che i pesticidi e altri prodotti chimici agricoli sono neurotossici, in grado di danneggiare il sistema nervoso. Secondo la US Environmental Protection Agency (EPA), il 60 per cento di erbicidi, il 90 per cento di fungicidi, e il 30 per cento di insetticidi sono anche cancerogeni. Tutte queste tossine sono ammessi negli allevamenti convenzionali, e un numero qualsiasi di essi può finire nel piatto quando la frutta e verdura sono convenzionali. E l’uso di ogm e insetticidi aumenta anche il carico di sostanze chimiche di sintesi presenti negli alimenti…

 

La risposta, naturalmente, è quella di limitare l’esposizione, per quanto possibile, dando al corpo la possibilità di eliminare le tossine che inavvertitamente si ingeriscono. Eppure, nonostante tutti i rischi conosciuti, il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense (USDA) insiste che i residui di pesticidi nei prodotti alimentari non devono destare preoccupazione. Secondo l’ultimo rapporto dell’agenzia, più della metà di tutti gli alimenti testati l’anno scorso aveva livelli rilevabili di residui di pesticidi, ma la maggior parte, essi sostengono, sono all’interno del livello “sicuro”. Tuttavia, ci sono una serie di fattori che è necessario sapere….
 
 
USDA non testa su glifosato
 
In particolare, come riportato da Reuters (2) l’USDA non fa i test per il glifosato:
“Come in passato, l’USDA ha detto, che non ha testato i residui di glifosato, il principio attivo dell’erbicida Roundup più usato al mondo.
Un portavoce USDA che ha chiesto di non essere citato, ha detto che le metodiche per testare il glifosato sono estremamente costose … e quindi…”
 
Nel frattempo, uno dei più recenti studi (3) che hanno indagato sull’effetto del glifosato sulla salute degli americani ha osservato che il glifosato interferisce con molti processi metabolici sia in piante che in animali.
 
I ricercatori hanno inoltre visto che studi precedenti hanno dimostrato che il glifosato “sconvolge il sistema endocrino (4) e l’equilibrio dei batteri intestinali … danneggia il DNA ed è un driver di mutazioni che portano al cancro.” Ed hanno rivelato correlazioni “altamente significative” tra le applicazioni di glifosato e seguenti problemi di salute tra la popolazione degli Stati Uniti: Ipertensione, Diabete, Obesità, Lipoprotein metabolismo, morbo di Alzheimer, Demenza senile, morbo di Parkinson, Sclerosi multipla. E ancora: infiammazioni intestinali, Autismo, infezioni intestinali, Insufficienza renale, cancro alla tiroide, Cancro al fegato e alla vescica, tumore al pancreas e al rene, leucemia …
Secondo gli autori: “Il significato e la forza delle correlazioni mostrano che gli effetti del glifosato e colture ogm per la salute umana devono essere ulteriormente studiati.”
 
 
Il glifosato può essere peggiore del DDT
 
Secondo il dottor Don Huber, esperto in un settore scientifico che si riferisce alla tossicità di alimenti ogm, il glifosato può essere ancora più tossico del DDT – una sostanza chimica devastante che, proprio come il glifosato, una volta era proclamata “abbastanza sicura da potersi mangiare.” (5) Ha detto: “Proprio l’anno scorso, una nuova ricerca ha implicato il DDT nello sviluppo del morbo di Alzheimer, decenni dopo l’esposizione, e non c’è alcun dubbio nella mia mente che stiamo andando lungo la stessa strada con il glifosato.”
 
Una ricerca innovativa del Dr. Seneff, pubblicata a giugno 2013, suggerisce che il glifosato può effettivamente essere il fattore più importante nello sviluppo di una vasta gamma di malattie croniche, in particolare perché i batteri intestinali sono una componente chiave del meccanismo da danno da glifosato.
 
La Monsanto ha fermamente sostenuto che il Roundup è innocuo per gli animali e gli esseri umani per il meccanismo d’azione che utilizza (che permette di uccidere le erbacce), chiamato via dello shikimato[1], è assente in tutti gli animali. Tuttavia, la via dello shikimato è presente nei batteri, e questa è la chiave per capire come si diffonde il danno sistemico in entrambi gli uomini e gli animali.
 
Il Dr. Huber ha inoltre presentato fatti (6,7,8) evidenziano l’elevata tossicità per il terreno circostante, le radici delle piante e le acque delle falde, anfibi, pesci, ambienti acquatici, e mammiferi – causando problemi riproduttivi e che perturbano il sistema endocrino.
 
 
Perché anche le colture non-OGM sono più tossiche ultimamente…
 
Molte autorità importanti come il dottor Huber e il Dr. Stephanie Seneff hanno cominciato a portare all’attenzione la pratica di essiccazione, una pratica in cui il glifosato viene applicato al grano poco prima della raccolta. È interessante notare che, in questo modo, il grano tende a rilasciare più semi. Il Washington Blog (10) recentemente ha pubblicato un articolo che dà un’eccellente panoramica del processo. Diserbo con glifosato è fatto anche su orzo, fagioli, piselli, arachidi, zucchero di canna, l’avena, colza, lino, e le lenticchie (12,13) solo per citarne alcuni.
 
Inutile dire che le colture irrorate tendono ad essere più contaminate con glifosato. Una grande percentuale di prodotti alimentari trasformati sono realizzati con il grano, e la pratica di diserbo del grano con glifosato appare fortemente correlata con il rapido aumento della celiaca. La ricerca del Dott Seneff dimostra che il glifosato distrugge i villi nel vostro intestino, riduce la capacità di assorbire le vitamine e minerali. E poi sembra interferire con l’assorbimento di alcune proteine e favorire reazioni immunitarie.
 
 
Il glifosato si accumula subito in colture ogm
 
Recenti ricerche (16) hanno dimostrato, inoltre, che vi sono notevoli differenze di composizione tra soia ogm e le varietà non-Ogm, e che il glifosato si accumula facilmente nella prima. Contrariamente alle affermazioni del settore, lo studio ha anche riscontrato che differiscono in termini di qualità nutrizionale, nel caso di soia biologica si ha il profilo nutrizionale sano. Secondo gli autori, “Questo studio rifiuta il fatto che la soia geneticamente modificata è” sostanzialmente equivalente alla non ogm”e ha scoperto che:
 
• In media la soia ogm contiene 11,9 parti per milione (ppm) di glifosate
 
• Il livello di residuo massimo trovato= 20,1 ppm
 
• Nessun residuo sono stati trovati in varietà non-ogm convenzionali e biologici
 
Risultati simili sono stati trovati in una analisi nutrizionale di mais ogm 2012, in cui è stata rilevata la presenza di 13 ppm di glifosato, rispetto a nessuno nel mais non-OGM. Se si considera che gli americani mangiano una media di 193 chili di cibi geneticamente modificati ogni anno, il problema della contaminazione con glifosato è senza dubbio molto importante (17). In un articolo del 2014 per The Ecologist, due dei ricercatori sottolineano che questi livelli sono in realtà il doppio, o più, di quello che Monsanto (18) ha definito come “livelli estremi: “Monsanto (produttrice del glifosato) ha affermato che i residui di glifosato in soia ogm sono inferiori a quelli della soia convenzionale, in cui i residui di glifosato sono stati misurati fino a 16-17 mg / kg (Monsanto 1999). Questi residui, trovati nelle piante non ogm, probabilmente sono attribuibili alla pratica di irrorazione prima del raccolto (per essiccazione). Un’altra affermazione della Monsanto è che” i livelli di residui di fino a 5,6 mg / kg in soia ogm rappresentano… livelli estremi, e di gran lunga superiori a quelle tipicamente presenti. ‘ (Monsanto 1999). ” !!!
 
È molto importante capire che la contaminazione da glifosato in colture Ogm è sistemica, che significa che è presente in ogni cellula della pianta, dalla radice alla punta. Non è solo una questione di contaminazione alla superficie. Se per altre situazioni normalmente, è necessario lavare accuratamente i prodotti per eliminare i residui sulla superficie, nel caso del glifosato da prodotti ogm, non è possibile perché assorbita nelle cellule della pianta.
 
 
A fronte di tali preoccupazioni di sicurezza, l’EPA aumenta i livelli consentiti di glifosato nel cibo.
 
Tutto ciò sottolinea l’importanza dei test e di limitare i residui di glifosato nel cibo, ma anche il fatto che tutto ciò non è stato fatto, apparentemente a causa dei costi. E porta anche un altro punto importante, che, nonostante il rapido aumento dei timori circa la sicurezza, nel 2013 l’EPA ha tranquillamente alzato i livelli consentiti di glifosato in alimenti. I livelli ammissibili di colture oleaginose come la soia sono stati raddoppiati, da 20 ppm a 40 ppm. Quindi, tutto ad un tratto, i “livelli estremi” sembrano essere diventati i livelli sulla parte bassa dello spettro ammissibile! Essa ha anche alzato i livelli di contaminazione glifosato ammessa in altri alimenti, molte delle quali sono state sollevate a 15-25 volte i livelli precedenti! Gli agricoltori hanno aumentato l’uso della sostanza chimica a causa della proliferazione di erbe infestanti resistenti al glifosato. Vale la pena notare che, per anni, i sostenitori pro-OGM hanno affermato che l’ingegneria genetica avrebbe portato ad una riduzione della dipendenza da prodotti chimici agricoli tossici. Ora, i dati ci mostrano il contrario esatto di ciò che è successo.
 
 
Bugie, bugie, e ancora bugie
 
Ci avevano promesso che gli OGM potevano comportare il minor uso di pesticidi, ma come osservato in un articolo del 2012 da Tom Philpott (21), la tecnologia Roundup Ready della Monsanto “ha suscitato un vero e proprio monsone di erbicidi, sia in termini di tassi di applicazione più elevati per Roundup, e .. . crescente utilizzo di altri erbicidi, più tossici “.
 
Benbrook ha scoperto che:
 
• Nel complesso, la tecnologia ogm ha fatto crescere l’uso di erbicidi a £ 527.000.000 (+11%) tra il 1996 (quando le colture Roundup Ready sono iniziate) e il 2011
 
• l’uso di erbicidi è sceso di circa il 2% tra il 1996 e il 1999, ma poco dopo, come le erbacce hanno iniziato a sviluppare resistenza contro la chimica, è cresciuto tantissimo
 
• Nel 2002, l’uso del glifosato sulla soia Roundup Ready è aumentato del 21%. Nel complesso, gli agricoltori americani hanno aumentato il loro uso di glifosato di 19 milioni di chili l’anno
 
• Entro il 2011, gli agricoltori che coltivano colture Roundup Ready (mais, soia e cotone) hanno utilizzato il 24% in più di Roundup di chi ha coltivato colture no ogm, perché da quel momento, la glifosato-resistenza era diventata la norma. Gli agricoltori hanno anche dovuto ricorrere ad erbicidi più tossici come (2,4-D).
 
 
Ingredienti ‘inerti’ nei pesticidi possono anche essere profondamente più tossici
 
Una terza questione che viene completamente ignorata dal USDA è il fatto che gli ingredienti “inerti” in formulazioni dei diserbanti non sono necessariamente inattivi. Al contrario, gli effetti sinergici tra ingredienti cosiddetti inattivi e attivi sono una fonte nascosta di tossicità che è stata ampiamente trascurata.
Come discusso in un articolo del 2006 pubblicato sul Journal of Environmental Health Perspectives, (22) è importante rendersi conto che il termine “ingrediente inerte” non significa che sia biologicamente o tossicologicamente innocuo. Una sostanza chimica può non uccidere un parassita o una erbaccia, ma può avere un profondo impatto sulla biologia umana.
 
Per esempio, un studio (24) del 2012 ha rivelato che gli ingredienti inerti come coadiuvanti etossilati di erbicidi a base di glifosato sono “principi attivi di tossicità delle cellule umane.” E anche altri studi forniscono risultati in cui i pesticidi utilizzati con coadiuvanti potrebbero cambiare la loro tossicità. Forse la cosa più inquietante di tutte è che i ricercatori affermano che si possono verificare danni cellulari e persino la morte delle cellule ai livelli di residui presenti nelle colture trattate con il Roundup, oltre a prati e giardini dove il Roundup si applica per il controllo delle infestanti.
 
 
FDA Testa meno di un decimo dell’uno per cento di tutta la frutta e verdura importate
 
Il monitoraggio dei residui di pesticidi da parte della FDA e USDA ha ricevuto dure critiche in un recente rapporto realizzato dalla Ragioneria Generale (GAO). Nella sua relazione, (29) GAO suggerisce una serie di modifiche sostanziali ai programmi di monitoraggio di pesticidi dalle due agenzie. Sono necessari maggiori dimensioni del campione, dice il rapporto, e particolare attenzione deve essere rivolta ai pesticidi che già hanno stabilito i livelli di tolleranza EPA, piuttosto che quelli che non lo fanno. Il GAO chiede inoltre una maggiore trasparenza nei rapporti di prova annuali.
 
Evitare “Toxic food” è fondamentale per una salute ottimale
Il settore della tecnologia chimica, guidato da Monsanto, è riuscito a trasformare il cibo in un veleno letterale – il glifosato, che ora sappiamo contamina sistematicamente la pianta e non può essere lavato via, ha una serie di effetti biologici devastanti, tra cui i seguenti:
 
– Carenze nutrizionali, il glifosato immobilizza determinate sostanze nutritive e altera la composizione nutrizionale della coltura trattata. Blocco della biosintesi degli amminoacidi aromatici (questi sono gli aminoacidi essenziali che non sono prodotti dal ns corpo ma che devono essere forniti tramite la dieta).
 
– Aumento all’esposizione alla tossina (questo include alti livelli di glifosato e formaldeide nel cibo stesso) anomalia nel metabolismo dello zolfo; carenza di solfato.
 
– Tossicità sistemica – effetto collaterale di estremo blocco della funzione microbica in tutto il corpo, microbi benefici in particolare, consente la crescita eccessiva di patogeni. Disbiosi intestinale (squilibri nei batteri intestinali, infiammazione, permeabilità intestinale, allergie alimentari, come l’intolleranza al glutine)
 
– Amplificazione degli effetti dannosi di altri residui chimici e tossine a causa della presenza del glifosato. Creazione di ammoniaca (un sottoprodotto creato quando alcuni microbi abbattono glifosato), che può portare a infiammazione del cervello associata con l’autismo e il morbo di Alzheimer.
 
Si starebbe meglio se tutti optassimo per prodotti biologici!
Saremmo tutti più saggi se smettessimo di usare Roundup intorno alle ns case, dove i bambini e gli animali domestici possono entrare in contatto con esso semplicemente camminando in tutta l’area.
Mangiare alimenti biologici prodotti localmente supporterà non solo la salute delle ns famiglie, ma sarà anche capace di proteggere l’ambiente dagli inquinanti chimici dannosi e la diffusione accidentale di sementi geneticamente modificate e le erbacce resistenti agli agenti chimici e parassiti.
Tratto da:https://www.organicconsumers.org/news/usda-claims-pesticide-residues-food-safe%E2%80%94here%E2%80%99s-why-they%E2%80%99re-wrong
tramite http://www.terravivaverona.org/2015/03/usda-claims-pesticide-residues-in-food.html

 
 
Per approfondire gli argomenti trattati in questo articolo è possibile scaricare gratuitamente i seguenti eBook:
 

 

www.laviadiuscita.net

 

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.