OGNI ANNO 300.000 GIOVANI LASCIANO L’ITALIA: 1 GIOVANE OGNI 5 MINUTI!!!

pubblicato in: PROBLEMA PROFUGHI | 0

300.000 giovani lasciano l’Italia ogni anno: 1 giovane ogni 5 minuti. E come se sparisse ogni anno una città come Bari o Catania, Venezia ha meno abitanti.

Negli ultimi 12 anni sono partiti due milioni di italiani, quasi una famiglia su tre ha un figlio all’estero o che pensa di andarci. Ed ora è diventata un’”emergenza”. Quasi tutti vorrebbero andarsene dall’Italia. Secondo la Fondazione Migrantes, finanziata dalla CEI, che si occupa di questo tema, un giovane su due vorrebbe andarsene all’estero. L’Italia vorrebbe essere lasciata da quasi ¼ dei residenti.

Bisogna sentire questi ragazzi cosa dicono, perché loro, sostanzialmente, se ne sono andati perché in Italia non hanno trovato nulla. E parliamo di tutti i mestieri possibili, non soltanto i cervelli in fuga, gli scienziati, i ricercatori, gli universitari, ma anche i pizzaioli, i camerieri, i baristi, le baby sitters, ecc. Ora tutto questo è abbastanza inconcepibile o per lo meno li hanno tentati gli altri lavori: hanno trovato degli stages sottopagati (600 euro al mese quando gli andava bene e per soli sei mesi).

Poi cosa dicono? Nessuno di loro vuole tornare in Italia.  Questo è drammatico perché nessuno di loro riconosce più la propria terra  come la propria identità, il proprio luogo di nascita, anche se molti di loro pensano all’Italia ma non ci vogliono tornare perché all’estero “va meglio”.

Perché c’è questo silenzio sull’esodo giovanile?

Vi sembra normale che di questo problema della fuga all’estero non se ne parli se non sporadicamente, con mini-articoli e senza dargli il giusto risalto?

FONTE: byoblu.com – VIDEO YOU TUBE: IL LABORATORIO PER LA DISTRUZIONE DELL’ITALIA –  BARBARA PAVAROTTI.

ATTENZIONE: non c’è molta differenza tra la fuga degli africani, ormai ampiamente condannati, e la fuga dei giovani italiani all’estero. Parliamo sempre di migranti economici, di persone che emigrano per mancanza di soldi e lavoro, in cerca di migliori opportunità.
5 milioni di italiani sono fuori dall’Italia. E i giovani continuano a partire.
Gli italiani all’estero sono circa lo stesso numero degli immigrati stranieri in Italia.
Al 1° gennaio 2017 i nostri connazionali residenti oltreconfine e iscritti alľAire sono quasi 5 milioni.

Se si vuole evitare le migrazioni  degli italiani e risolvere veramente il “problema profughi”, occorre comprendere il vero perché, la vera causa di queste stesse migrazioni. Questa vera causa, come viene affermato da Isha Babaji, dai più grandi economisti, ricercatori del mondo e, ancor prima, dal Prof. Giacinto Auriti, è dovuta al Signoraggio Bancario. Esso è ampiamente fatto conoscere, in modo semplice e comprensibile a tutti, nel libro “SOLDI” di Isha Babaji che, oltre alla “vera causa” indica anche la sola possibile “Soluzione”, la stessa “Soluzione” che è stata indicata anche dal leader Thomas Sankara, dal leader Panafricanista Mohamed Konarè, dal Prof. Giacinto Auriti e da molti altri grandi leaders mondiali. Il libro “SOLDI”, di Isha Babaji, è acquistabile a questo link:

https://laviadiuscita.net/soldi-il-libro-che-contiene-la-soluzione-ai-debiti-e-ai-gravi-problemi-che-ci-affliggono-il-nuovo-libro-del-maestro-isha-babaji/

Mohamed Konaré, leader del movimento Panafricanista, lotta da anni per portare alla ribalta il problema dell’emigrazione e dei profughi.

Per approfondire il problema dell’emigrazione, la vera causa dei profughi provenienti dall’Africa, problema spiegato molto bene dal leader del movimento Panafricanista Mohamed Konaré, potete andare a questo link (ripetiamo: l’emigrazione degli italiani all’estero non è molto diversa da quella degli africani):

La vera causa del “problema profughi” e della povertà anche in Italia. Ecco la “Giusta Soluzione”.
https://laviadiuscita.net/la-vera-causa-del-problema-profughi-e-della-poverta-anche-in-italia-ecco-la-giusta-soluzione/

www.laviadiuscita.net

image_printStampa il Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.