magnify
Home I MALATI DI POTERE Le ricchezze della Chiesa Cattolica: Inchiesta

Le ricchezze della Chiesa Cattolica: Inchiesta

ricchezze chiesa cattolica laviadiuscita

Il tema delle ricchezze della Chiesa Cattolica è stato da sempre oggetto di discussioni nel mondo. C’è chi inorridisce di fronte ai tanti dati che negli ultimi 50 anni sono stati dati da giornalisti e scrittori e c’è chi parla di falsità. E’ un tema complesso, per cui mi limiterò a dare alcuni dati salienti, spiegando in un secondo momento l’origine di tanto grandi ricchezze…

 

L’Oro del Vaticano

 

ricchezze chiesa cattolicaLa Chiesa Cattolica possiede il secondo tesoro in oro più grande del mondo. La rivista italiana Oggi, nel 1952, stimò questo tesoro in 7.000 milioni di lire (=3.500.000.000 di euro odierni). Un tesoro straordinario, se comparato con i miseri 400 milioni di lire in oro dello Stato italiano e secondo solo a quello degli Stati Uniti. Sono passati quasi 50 anni. A quanto ammonterà il tesoro oggi giorno? Calcolando gli interessi, possiamo stimare l’incremento del valore del tesoro in un 63%, più del doppio quindi. Questo significa che ad oggi il tesoro in oro supererebbe i 7 miliardi di euro.
Il tesoro del Vaticano in metalli preziosi è stato stimato dalla pubblicazione United Nations World Magazine come ammontante a diversi milioni di dollari. Una gran parte di questo tesoro è immagazzinata in lingotti presso la U.S. Federal Reserve Bank, mentre il resto è custodito in banche britanniche ed elvetiche. Questa, comunque, non è che una piccola quota della ricchezza del Vaticano che, nei soli Stati Uniti, è più consistente di quella delle cinque aziende più floride della nazione. Se a questo si aggiungono proprietà immobiliari, azioni e titoli all’estero, la cospicua fortuna della Chiesa cattolica diventa così imponente che risulta impossibile darne una valutazione credibile.(39)

 
 

Le azioni del Vaticano

 

ricchezze chiesa cattolica 1Sembrerebbe incredibile ma la Chiesa possiede anche delle azioni. Le notizie a riguardo sono più facili da trovare e, frequentemente, vari giornali internazionali, come il Der Spiegel o El Pais, ne hanno parlato. Tempo fa avevo parlato degli investimenti della Banca Cattolica Pax. Il giornale Der Spiegel scoprì, nel 2010, che la banca aveva investito in azioni di aziende operanti nel mercato del tabacco, della difesa, di armi e della contraccezione. Due anni prima, nel 2008, vari giornali spagnoli riportarono la notizia degli investimenti azionari degli arcivescovati di Madrid e Burgos nel laboratorio farmacéutico Pfizer. Un’impresa che, tra i tanti farmaci, fabbrica anche un anticoncezionale. Come dire: quando si tratta di affari non si guarda in faccia a nessuno. (Nota de laviadiuscita.net: la Pfizer è una delle più grandi multinazionali del mondo. Essa promuove campagne di vaccinazioni in Africa con propri vaccini i cui effetti sono… per approfondire scarica l’eBook gratuito “SAI COSA FANNO LE VACCINAZIONI?” a questo indirizzo: http://laviadiuscita.net/ebook-le-vaccinazioni-cosa-fanno/).
 
Certamente le riserve finanziarie del Vaticano, non si fermano qui. “Sono principalmente concentrate a Wallstrett, la più famosa borsa del mondo. In totale il patrimonio finanziario della Chiesa Cattolica, in azioni e altre partecipazioni, ammontava nel 1958 a 50.000 milioni di marchi tedeschi. ” [(4) pág. 153]
 
Una cifra che, nel frattempo potrebbe aver tranquillamente superato i 100 milioni di euro.
 
“Il Vaticano possiede enormi investimenti presso gli istituti Rothschild di Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti, la Banca Hambros, il Credit Suisse di Londra e Zurigo. Negli Stati Uniti ha ingenti investimenti presso la Morgan Bank, la Chase-Manhattan Bank, la First National Bank di New York, la Bankers Trust Company e presso altri istituti di credito. Il Vaticano possiede miliardi di quote delle più potenti multinazionali, come Gulf Oil, Shell, General Motors, Bethlehem Steel, General Electric, International Business Machines, T.W.A. etc. Facendo una stima prudenziale, nei soli Stati Uniti tali quote ammontano ad oltre 500 milioni di dollari.
In un documento pubblicato come parte integrante di un prospetto informativo relativo ad investimenti obbligazionari, l’arcidiocesi di Boston ha stimato le sue risorse in seicentotrentacinque milioni di dollari ($ 635,891,004), vale a dire 9.9 volte le sue passività. Questo significa un valore netto di cinquecentosettantuno milioni di dollari ($ 571,704,953).
 
Non è quindi difficile risalire alla stupefacente ricchezza della Chiesa, una volta che aggiungiamo gli introiti delle vent’otto arcidiocesi e delle 122 diocesi degli U.S.A., alcune delle quali sono anche più doviziose di quella di Boston”.(39)
 
La Chiesa di Roma, una volta sommati i suoi patrimoni, è il maggior agente di cambio del mondo. Il Vaticano, indipendentemente dai vari papi di passaggio, si è sempre di più orientato verso gli USA. Il Wall Street Journal ha affermato che le transazioni finanziarie del Vaticano nei soli Stati Uniti sono state così importanti che spesso riguardavano la compravendita di oro per lotti da uno o più milioni di dollari alla volta. (39)
 
Il tesoro del Vaticano in metalli preziosi è stato stimato dalla pubblicazione United Nations World Magazine come ammontante a diversi milioni di dollari. Una gran parte di questo tesoro è immagazzinata in lingotti presso la U.S. Federal Reserve Bank, mentre il resto è custodito in banche britanniche ed elvetiche. Questa, comunque, non è che una piccola quota della ricchezza del Vaticano che, nei soli Stati Uniti, è più consistente di quella delle cinque aziende più floride della nazione.(39)
 
La Chiesa di Roma, una volta sommati i suoi patrimoni, è il maggior agente di cambio del mondo. Il Vaticano, indipendentemente dai vari papi di passaggio, si è sempre di più orientato verso gli USA. Il Wall Street Journal ha affermato che le transazioni finanziarie del Vaticano nei soli Stati Uniti sono state così importanti che spesso riguardavano la compravendita di oro per lotti da uno o più milioni di dollari alla volta.(39)

 
 

Il Vaticano e i suoi consorzi

 

ricchezze chiesa cattolica 2“Il Vaticano è il più grande consorzio economico-religioso del mondo. Possiede innumerevoli imprese, negli ambiti più disparati: plastica, elettronica, cemento, acciaio, industria tessile, chimica, alimentare, senza dimenticare il settore immobiliare”… (3)
 
Gli interessi della Chiesa Cattolica si concentrano anche nell’ambito energetico. L’Italgas, leader nel settore in Italia, appartiene al Vaticano e ha succursali in 36 città italiane. Senza contare che il Vaticano ha partecipazioni in imprese che fanno parte dei settori più disparati: catrame, ferro, distilleria, acqua potabile, forni a gas, forni industriali, per citarne alcuni.
 
Dei 180 istituti finanziari italiani almeno un terzo dispone del denaro del Vaticano. [(3)pag.244]
 
Il Vaticano è altresì proprietario di molte banche tra le più importanti in Italia e possiede partecipazioni bancarie in Europa. Nord e Sud America. Il Vaticano possedeva e possiede un pacchetto azionario di maggioranza in alcune imprese italiane, come ad es. la Fiat e la ex Alitalia. [(2) pág. 53]
 
Nella lista di imprese di cui il Vaticano è azionista o proprietario del 1993 l’Alitalia era tra le imprese di cui il Vaticano era azionista, insieme ad altre imprese italiane e straniere importantissime. Olivetti, General Motors, Rotschild Bank,Canal Fox,Shell, per citarne alcune.

 
 

Il Vaticano possidente terriero

 

ricchezze chiesa cattolica 3La Chiesa Cattolica è il maggior proprietario terriero del mondo occidentale.
 
Alcuni esempi:
 

  • Germania: con 8,25 miliardi di m2,il Vaticano è il più grande proprietario terriero tedesco (34) pág. 208.
    Pensate che quest’immenso territorio corrisponde alla metà dello stato tedesco di Schleswing-Holstein34) pág. 208 o allo spazio occupato dalle città di Brema. Amburgo, Berlino e Monaco, messe insieme.
  • Italia: più di 500.000 ettari di superficie agraria di proprietà della Chiesa
  • Spagna: circa il 20% di tutta la compagna spagnola
  • Portogallo: circa il 20% di tutta la campagna portoghese
  • Argentina: circa il 20% della campagna argentina
  • Stati Uniti: più di 1.100.000 ettari di superficie agraria.
  • Nel conto totale praterie e boschi non sono inclusi. [(26) pág. 429]

 

Come avrà acquisito la Chiesa Cattolica quest’immensa quantità di terre?

 
 

Il Vaticano possidente immobiliare

 

ricchezze chiesa cattolica 4Il Vaticano è il più grande possessore di immobili mondiale. Pensate che la Chiesa possiede il 20-22% del patrimonio immobiliare italiano. Nel 1977 Palo Ojetti pubblicò sulla rivista l’Europeo (7.1.1977) alcuni dati incredibili sulla città di Roma, arrivando a calcolare che ¼ della città è di proprietà della Chiesa. Pagina su pagina registrò migliaia di palazzi che in parte appartengono alle 325 congregazioni delle monache cattoliche e degli ordini monastici. Il giornalista si occupò anche sulle proprietà del Vaticano a Verona, scoprendo dalle carte del catasto che circa la metà degli immobili erano segnati di nero. Bene quegli immobili erano di proprietà della Chiesa. Ojetti, infine, sottolineò come questo metodo dovesse essere comune ad altre città. L’articolo non piacque affatto al Vaticano. Esponenti della Santa Sede qualificarono l’articolo come confuso, irresponsabile, scandaloso, anticlericale, impreciso e di basso livello. Ma non finisce qui. Il diretto del quotidiano l’Europeo fu licenziato in tronco.
 
Abbiamo dovuto aspettare 21 anni per avere un’altra inchiesta sul tema. Il coraggioso giornalista, Max Parisi della Padania, fece un’indagine approfondita sulle proprietà immobiliari del Vaticano a Roma. Nel suo articolo, datato 21 giugno 1998, concluse che 1/3 di tutti gli immobili della capitale è di proprietà della Chiesa Cattolica. 6)
Quest’immobili, dal valore inestimabile, si trovano, in base alla sua inchiesta, nelle zone migliori della città: “Tutta la zona da Campo dei Fiori fino a Palazzo Sant’Angelo, insieme a Piazza Navona e alle strade adiacenti, praticamente, sono di proprietà del Vaticano. Si tratta di qualcosa meno della metà del centro storico. “Solo in questa zona la Chiesa possiede più di 2500 palazzi. La totalità degli immobili non compare nei registri di proprietà del catasto, perchè sono considerate territorio straniero (6).
 
Ma non finisce qui. Tempo fa è tornato sull’argomento il giornale che, in quest’articolo, parlando delle proprietà del Vaticano a Roma e provincia, diede questi dati:
 

  • 115.000: sono gli immobili posseduti dal Vaticano a Roma e provincia
  • 1/5 degli immobili di Roma e provincia è del Vaticano

 

Ma non finisce qui. Tra gli aspetti più interessanti dell’articolo c’è l’elenco delle sigle religiose con il più alto numero di proprietà fra Roma e provincia:
 

  • la Cei ne ha 16
  • l’Opera romana per la preservazione della fede e la provvista di nuove chiese in Roma 54
  • l’Abbazia di Subiaco 102
  • l’Apsa 306 (comprese le varie sigle)
  • le Ancelle francescane del Buon pastore 55
  • Arcipretura Valmontone 350
  • Arcipretura in Vallepietra 97
  • Beneficio parrocchiale del capitolo di San Pietro-Vaticano 164+201 (oltre a 114 beni amministrati da Hoerner Arturo)
  • capitolo Subiaco 575
  • Canonici Albano Laziale 171
  • Canonici Ariccia 518
  • Capitolo Basilica S. Maria Maggiore 101
  • Caritas 70
  • Vicarie Castel Madama 158
  • Vicariato di Roma 276
  • Suore domenicane Santa Caterina 20
  • Sottocura Sant’Andrea Gallicano 92
  • Società cattolica di assicurazioni Verona 33
  • Suprema congregazione sant’Ufficio 133
  • Santa Sede Città del Vaticano 178
  • Reverenda Fabbrica di San Pietro 139
  • Propaganda Fide e suoi istituti di riferimento (1.139, come pubblicato ieri dal Giornale)
  • Congregazione di S. Vincenzo Pauli 161, Pontificio istituto teutonico 211, Pontifica opera per la preservazione della fede 683

 

Dati interessantissimi, a cui si aggiunge l’elenco fatto sempre dal Giornale di tutte le proprietà immobiliari della Chiesa a Roma, che ho riportato in quest’articolo. Stiamo parlando di proprietà stimate in 9 miliardi di euro di valore e di proprietà del 100% del Vaticano.
 
Delle proprietà del Vaticano in Italia negli ultimi anni si sono occupati giornali e televisioni. Come dimenticare l’inchiesta sulle proprietà della diocesi bolognese fatta da repubblica l’anno scorso. Vi do solo alcuni dati:
 

  • 1200 immobili di proprietà della Chiesa
  • 3000 proprietà se si considerano le fondazioni. La Lercaro possiede 120 unità fra negozi e magazzini, la Gesù divino operaio arriva a 140. Fra le parrocchie più “ricche” quella dedicata ai santi Savino e Silvestro, in zona Corticella: 65 proprietà.

 

Numeri incredibili. Per approfondimenti vi rimando agli articoli:
 

 

E alla visione della puntata di Exit
 

 

Ma non finisce qua. Il 22 gennaio 2002 sul giornale spagnolo El Mundo vengono pubblicati alcuni dati interessanti sulle proprietà immobiliari della Chiesa in Spagna. “In Spagna la Chiesa Cattolica è una grande potenza immobiliare. Non c’è paese senza chiesa, nè città senza cattedrale, nè monte senza eremita. Si calcola che il patrimonio ecclesiastico comprendo circa 100.000 immobili. O detto in altro modo,l’80% del patrimonio storico-artistico nazionale appartiene alla chiesa. Per esempio, il 70% della città vecchia di Toledo è in mano alla Chiesa. E lo stesso si può dire per Avila,Burgos o Santiago de Compostela. Nessuno sa quale sia la quantità totale del patrimonio ecclesiastico.” Quindi anche in Spagna dati incredibili.
 
Per avere un’idea del patrimonio immobiliare della Chiesa universale, si può prendere come riferimento l’osservazione fatta da un membro della Conferenza cattolica di New York, che ha testualmente affermato: “Probabilmente la nostra chiesa è seconda solo al governo degli Stati Uniti, per quanto riguarda il volume annuo di acquisizioni.” Un’altra dichiarazione di un sacerdote cattolico e ripresa dalla stampa statunitense, è forse ancora più eloquente: ”La Chiesa cattolica –ha affermato- dovrebbe essere considerata la maggiore azienda negli Stati Uniti. Abbiamo una filiale in ogni luogo. I nostri capitali ed il patrimonio immobiliare dovrebbero essere più cospicui di quelli di Standard Oil, A.T.& T. e di U.S. Steel messi assieme. Il nostro ruolo di contribuenti dovrebbe essere secondo solo a quello degli uffici delle entrate del governo degli Stati Uniti d’America”. (39)
 
La Chiesa cattolica è il maggiore potere finanziario e detentore di beni oggi esistente. È il maggior possessore di ricchezze materiali, più di qualsiasi altra singola istituzione, azienda, banca, fiduciaria, governo o stato dell’intero pianeta. Il papa, in qualità di amministratore ufficiale di questo immenso Eldorado, è di conseguenza il più facoltoso individuo del pianeta. Nessuno può realisticamente stimare quanto valga il suo patrimonio in termini di milioni di dollari.(39)

 
 

Bibliografia

 

1) “Oggi” Nº 42/1952
2) Deschner, Karlheinz, Düsseldorf 1983
3) Lo Bello Nino, Vatikan im Zwielicht
4) Hermann Horst, Die Kirche und unser Geld, Hamburg 1990
5) Ojetti Paolo su “L´Europeo” N° 1/1977
6) Max Parisi en “La Padania”, 21.6.1998
7) Deschner, Karlheinz,Storia Criminale del Cristianesimo, tomo 3, Reinbek 1990
8) Weber Hartwig, Die Opfer des Kolumbus – 500 Jahre Gewalt und Hoffnung (Le vittime di Colombo-500 anni di violenza e speranza), Strukum 1986
9) Von Othegraven Friedhelm, Litanei des Weißen Mannes (Letanía del hombre blanco), Strukum 1986
10) Hermann Horst, Kirchenfürsten (Principi della Chiesa), Hamburgo 1992
11) Rosner Enrique, Misionero y mosquetes
12) Döbler Hannsferdinand, Hexenwahn (Brujo manía), Munich 1977
13) Durant Will, Storia culturale dell’umanità, tomo 6, Munich 1978
14) Wolf Hans-Jürgen, Neuer Pfaffenspiegel, Herrsching 1990
15) Seifert Petra, Geheime Schriften mittelalterlicher Sekten (Escritos secretos de sectas del
medioevo), De las actas de la inquisición, Augsburgo 1997
16) Schmitz Emil-Heinz, Die Kirche und das liebe Geld (La iglesia y el amado dinero), Münster
1998
17) Kammeier Wilhelm, Die Fälschung der deutschen Geschichte (La falsificación de la historia
de Alemania), Wobbenbüll 1979
18) Rill Bernd, Inquisition und ihre Ketzer (La inquisición y sus herejes), Puchheim 1982
19) Cawthorne Nigel, Das Sexleben der Päpste – Die Skandalchronik des Vatikans (La vida
sexual de los papas – La crónica escandalosa del Vaticano), Colonia 1999
20) Hutchison Robert, Die heilige Mafia des Papstes (La santa mafia del Papa), Munich 1998
21) Ledl Leopold, Im Auftrag des Vatikans (Por encargo del Vaticano), Viena 1989
22) “Im Namen des Papstes” (En el nombre del Papa), misteriosos crímenes. La huella lleva
indica al Vaticano (ARD, 8.12.1991)
23) Discepoli di Veritá, Ihr habt getötet – der Machtkampf der Logen im Vatikan (Bugie Di
Sangue In Vaticano), Berlín 2003
24) Rahn Otto, Kreuzzug gegen den Gral (Cruzada contra el Grial), energía 1995
25) Museo de torturas de Rüdesheim
26) Deschner Karlheinz, Und abermals krähte der Hahn (Y de nuevo cantó el gallo), Reinbek 1972
27) Lea Henry Charles, Historia de la Inquisición, tomo 1, Aalen 1980
28) Kamen Henry, La Inquisición española, Munich 1965
29) Von Werdenberg Gottfried, Visión 2004
30) Vedi anche www.theologe.de/martin-lutero_jesus-de-nazareth.htm
31) Deschner/Hermann, Der Antikatechismus, Hamburgo 1991
32) Guarino Mario, Mercanti del Vaticano, Kaos editione, Milano 1998
33) Frerk Carsten, Finanzen und Vermögen der Kirchen, Aschaffenburg 2002
34) Mynarek Hubertus, Die neue Inquisition, Sektenjagd in Deutschland, Marktheidenfeld 1999 http://www.das-weisse-pferd.com/99_11/neue_inquisition.html
35) GEO-EPOCHE Nº 10/2003, Die Macht der Päpste
36) Focus Online
37) El País, 12.11.05
38) El Mundo, 22.01.02
39) Anticatechismo di K. Deschner e H. Hermann

 
Fonte articolo: http://www.tuttigliscandalidelvaticano.com/2011/07/le-ricchezze-della-chiesa-cattolica.html
 

www.laviadiuscita.net

 
 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.