magnify
Home SALUTE e BENESSERE Vaccinazioni = autismo da virus

Vaccinazioni = autismo da virus

Il meccanismo delle encefaliti virali è noto e sono noti casi di autismo prodotti da encefaliti virali. Il passaggio dell’attacco del virus latente (vaccinale) all’autismo è meno ovvio e più articolato. Infatti, c’è una progressione asintomatica, clinicamente invisibile, se si eccettuano inizialmente reazioni post-vacciniche quali febbri, pianti prolungati con strilli acuti, alterazione del ritmo del sonno, etc.


 

La vaccinazione non fa altro che realizzare proprio quello che tutto il corpo e il sistema immunitario cercano di evitare o prevenire quando in contatto con un virus: ovvero l’iniezione immette il virus direttamente nel sangue, senza che siano state attivate le difese locali e fagocitarie, offrendogli accesso libero e indisturbato verso alcuni target più delicati e questa volta vulnerabili (neurologico, endocrino, etc).
 
Zecca e collaboratori (1998) segnalano che i livelli di anticorpi a rosolia e morbillo in bambini diagnosticati autistici erano del 300% superiori a quelli normali. Questi livelli elevati di anticorpi possono essere interpretati come un’attivazione cronica del sistema immunitario contro un’infezione subclinica. Ricercatori del Royal Free Hospital di Londra (Wakefield, 1998 e 2000) hanno dimostrato, mediante ileocolonscopia, la presenza nell’intestino del virus latente del morbillo nel 100% dei bambini la cui regressione autistica aveva avuto inizio con reazioni avverse alle vaccinazioni.
 
Un altro gruppo di ricerca, quello irlandese del prof. John O’Leary, ha confermato la presenza del virus del morbillo dello stesso ceppo del vaccino nell’intestino di 24 bambini autistici su 25.
Sembra che il bambino autistico non riesca a liberarsi della presenza di tale virus vaccinale nell’organismo. Il prof. Kawashima, dell’Università di Tokio, ha trovato il virus del morbillo (del ceppo vaccinale) nel sangue di bambini che hanno avuto una regressione autistica a seguito delle vaccinazioni.
 
Virus di ceppi vaccinali dunque sono una presenza costante (anche a distanza di anni dalla vaccinazione) in bambini autistici, ma non in bambini di controllo sani.
Con il test rapido del sangue denominato “Polymerase Chain Reaction” (PCR test), cioè test sulla catena di reazione della polimerase, è possibile rilevare la presenza subclinica nell’organismo del virus dello stesso ceppo vaccinale.
 
Questo articolo è tratto dall’eBook Gratuito “Le vaccinazioni cosa fanno?” che potete scricare liberamente Cliccando Qui.
L’eBook contiene numerosi studi e testimonianze di medici, scienziati e genitori riguardo la pericolosità dei vaccini ed i danni che hanno già causato a migliaia di persone. Ed i bambini sono i primi pagarne le conseguenze.
 
Essere informati prima di scegliere se vaccinarci o far vaccinare nostro figlio/a è un nostro diritto.
Scarica gratuitamente l’eBook Gratuito “Le vaccinazioni cosa fanno?” cliccando sul link qui sotto:
e-Book “Le vaccinazioni cosa fanno?”.

 

www.laviadiuscita.net

 


Fonti:
di Lorenzo Acerra (Federazione del COMILVA)
www.newmediaexplorer.org/ivaningrilli
 
 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.