magnify
Home ALIMENTAZIONE E SALUTE Ulivi ammalati nel Salento? Striscia la Notizia intervista l’Agroecologo Giuseppe Altieri

Ulivi ammalati nel Salento? Striscia la Notizia intervista l’Agroecologo Giuseppe Altieri

altieri striscia la notizia - laviadiuscita.net

Nessun Batterio killer… Cura Agroeco-Biologica Territoriale e non Tortura Chimica a base di Disseccanti e Pesticidi…

 

Ulivi Secolari del Salento ammalati?
 
Striscia la Notizia ha intervistato il Prof. Giuseppe Altieri, Agroecologo.
Qui sotto trovate il link per vedere il video del servizio di Striscia la Notizia andato in onda Sabato 11 gennaio 2014:

 
http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?18919
 
E’ necessario un immediato Programma Territoriale di Riconversione Biologica dell’Agricoltura, a partire dal Simbolo del Salento e della Cultura Mediterranea: “l’Ulivo Sacro Millenario Immortale”, sostenuto dai Pagamenti Agroambientali Europei attraverso i Piani Regionali di Sviluppo Rurale.
Miliardi di Euro che spesso tornano indietro a Bruxelles o non arrivano agli agricoltori che potrebbero tutelare la nostra salute (…e la propria in primis…), l’ambiente, la Biodiversità, attraverso l’Agricoltura Biologica Tradizionale, 100% agroecologica, 100% made in Italy e 100% libera da OGM.
 
Mentre ancora oggi molte regioni italiane sovvenzionano con quei fondi una falsa agricoltura integrata che prevede uso di pesticidi a volontà e addirittura dissecanti chimici, pericolosissimi per la salute, che inquinano le falde potabili e devastano territori e paesaggi (colorazione Arancio di erba morta) e la biodiversità (microrganismi utili del terreno, erbe salutari, insetti utili, uccelli e mammiferi, ecc…), predisponendo i territori alle alluvioni a causa della perdita dell’Humus, base della fertilità e sostanza che trattiene acqua fino a 10 volte il suo peso. Acqua che così scorre a valle provocando morte e distruzione…e Miliardi di danni.
 
Mentre l’atmosfera si riempie di anidride carbonica e vapore acqueo, proprio a causa della distruzione dell’humus e delle erbe fotosintetiche, oltre che per la follia degli allevamenti industriali di animali che oggi mangiano alimenti a base di Pesticidi ed OGM (che si accumulano nelle carni), questi allevamenti sono la prima causa dell’effetto serra per la loro produzione di CO2, Metano, Ossidi di Azoto, Vapore Acqueo e sprechi energetici pazzeschi… (vedasi il film Home a link: http://www.youtube.com/watch?v=I1fQ-3-CEFg ).
 
Fermiamoci… è già troppo tardi… troppo tardi per essere Pessimisti. L’Italia, ad esempio, ha il triste primato mondiale dei tumori dell’Infanzia… stiamo distruggendo il nostro futuro in modo irreversibile… la salute dei Bambini.
 
Le soluzioni sono semplici ed efficaci e renderebbero gli agricoltori biologici e l’Italia più ricca e sana che mai.
 
Un esempio da mettere in primo piano per Expò 2015.
Agroecologia: nella Tradizione… l’Innovazione. A partire dal Recupero delle conoscenze smarrite. Superando i conflitti di interesse, per la convergenza degli interessi di tutti… nessuno escluso.
 
—————————————
 
Prof. Giuseppe Altieri, Agroecologo
Docente Ordinario di Fitopatologia, Entomologia, Agricoltura Biologica, Agroecologia – Ist. Agrario Todi
ACCADEMIA MEDITERRANEA PER L’AGROECOLOGIA E LA VITA (AMA la Vita)

(Fonte articolo a questo link)
 
NOTA: Un importante articolo sulla morte degli ulivi in Puglia é intitolato: “TUTTA LA VERITA’ SULLA MORTE DEGLI ULIVI IN PUGLIA” e lo potete leggere a questo link:
http://laviadiuscita.net/tutta-la-verita-sulla-morte-degli-ulivi-puglia/

 

www.laviadiuscita.net

 
 

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
1 Comment  comments 

One Response

  1. riccardo

    La causa della moria di olivi secolari,castagni,querce,cipressi,palme,api ecc.ovviamente di tumori e malattie neurodegenerative per avvelenamento
    di acqua e suolo è la geoingegneria.Curiosamente ci sono gia’ colture ogm
    che crescono bene in terreni acidi ricchi di alluminio e bario.Basta analizzare l’acqua,ovviamente da laboratorio indipendente o farsi un mineralogramma per toccare con mano,quasi certamente la presenza anomala di
    metalli pesanti.Stando cosi’ le cose è evidente che non possiamo piu’parlare di alimenti bio,perchè purtroppo non lo sono piu’.

Leave a Reply

Your email address will not be published.