magnify
Home Posts tagged "roundup ready"
formats

L’erbicida Roundup causa la celiachia e l’intolleranza al glutine

Di J. D. Heyes Un nuovo studio ha trovato che il diserbante più venduto al mondo è legato alla crescita globale della celiachia, all’intolleranza al glutine e alla sindrome dell’intestino irritabile. Secondo lo studio statunitense, i cui dettagli sono stati pubblicati dal Dr. Anthony Samsel e dal Dr. Stephanie Seneff, l’aumento della malattia ha coinciso

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Soia transgenica: un pericolo nel piatto!

Published on July 7, 2013 by in O.G.M.

La soia é in assoluto il prodotto transgenico più coltivato nel mondo, (87% della soia coltivata negli Stati Uniti e 60% a livello globale, nel 2005) ed è anche il cibo OGM che più facilmente rischiamo di trovarci nel piatto. La soia, un prodotto oggi molto ricercato e utilizzato da un numero crescente di persone

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Argentina, un’altra vittima degli “esperimenti” della Monsanto

L’Argentina è diventata un gigante esperimento per la coltivazione di Soia geneticamente modificata (OGM) Roundup Ready (RR), che è un tipo di soia progettata per essere tollerante al Roundup (erbicida a base di glifosato prodotto dalla Monsanto). Il governo argentino, desideroso di tirare il paese fuori da una profonda recessione economica nel 1990, ha rifondato

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Roundup: il nuovo agente arancio della Monsanto?

Il diserbante Roundup prodotto dalla Monsanto contiene, oltre al glifosato, altre sostanze molto più tossiche che ne amplificano la pericolosità… Ti potrebbero anche interessare:Cancro alla prostata causato da pesticidi, un nuovo studio lo confermaIl mais bt (OGM) preda degli insetti, la Monsanto ha fallitoGli OGM nella pizza

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments