magnify
Home O.G.M. Semi transgenici e fame nel mondo

Semi transgenici e fame nel mondo

Published on June 20, 2013 in O.G.M.

I semi transgenici non risolvono il problema della fame nel mondo, anzi lo aggravano. Le multinazionali biotecnologiche sostengono che le coltivazioni transgeniche sono necessarie per risolvere il problema della fame nel mondo. Anche la FAO promuove le coltivazioni transgeniche come soluzione per la fame nel mondo. Ma è ormai ampiamente provato che i semi transgenici aggravano la situazione dei contadini poveri del cosiddetto Terzo Mondo. In India i semi transgenici stanno portando i contadini al fallimento e al suicidio.


 

Intervista al Prof. M.D. Nanjundaswamy (1)

 

Le multinazionali biotecnologiche sostengono che le coltivazioni transgeniche sono necessarie per risolvere il problema della fame nel mondo. Anche la FAO promuove le coltivazioni transgeniche come soluzione per la fame nel mondo. Ma è ormai ampiamente provato che i semi transgenici aggravano la situazione dei contadini poveri del cosiddetto Terzo Mondo. In India i semi transgenici stanno portando i contadini al fallimento e al suicidio. Su questo argomento abbiamo posto alcune domande al Prof. M.D. Nanjundaswamy.
 
CHE COSA RISPONDEREBBE ALL’AFFERMAZIONE DELLE MULTINAZIONALI BIOTECNOLOGICHE CHE GLI OGM (Organismi Geneticamente Modificati) SONO NECESSARI PER NUTRIRE LA CRESCENTE POPOLAZIONE MONDIALE?
 
In realtà non c’è mancanza di cibo nel mondo – c’è fame, sì – ma non c’è mancanza di cibo nel mondo, anche oggi. Il mondo ha abbastanza cibo per 8 miliardi di persone, mentre in questo preciso momento ci sono 6 miliardi di persone nel mondo e c’è abbastanza cibo per altri 2 miliardi di persone. La fame c’è, non per mancanza di produzione, ma per mancanza di distribuzione e per mancanza di accesso al cibo e accesso alla terra e se questi disordini fossero rettificati, non ci sarebbe fame su questo Pianeta, anche oggi.
Solo tecnologie che non creano diseguaglianze – perché la diseguaglianza è la ragione della povertà e la povertà è la ragione della fame – e solo le tecnologie che non creano diseguaglianze possono risolvere la fame nel mondo. Ma il transgenico crea diseguaglianze molto più delle cosiddette varietà ad alta resa della tecnologia della prima rivoluzione verde che ha creato diseguaglianze e, come ho detto, le tecnologie che possono eliminare diseguaglianze e disparità, per esempio la riforma della terra, cioè l’accesso alla terra che viene fornita a tutti i piccoli contadini in tutto il mondo, potrebbe essere l’inizio. Ci sarebbe sufficiente sicurezza alimentare a livello familiare, nazionale ed internazionale.
 
Questo mondo è un mondo ricco di diversità ed è bene sapere che la maggior parte dei piccoli contadini vive o in terre minacciate dalla desertificazione o in terre non fertili o in terreni in pendenza o in zone collinose; circa 850 milioni di persone vivono in questo tipo di terreno. Questa tecnologia che viene chiamata transgenica è una scienza che promuove le monocolture che hanno dato prova di essere un fallimento persino nella tecnologia della prima rivoluzione verde e questa è la causa della fame nel mondo come è stato ammesso anche dalla stessa FAO. In un mondo ricco di diversità con diverse condizioni agroclimatiche, le monocolture non funzionano affatto e questa è la ragione per la riduzione dei raccolti, per il fallimento dei raccolti e la conseguente fame.
In secondo luogo la biotecnologia è una tecnologia molto dispendiosa che i piccoli contadini non possono permettersi. La biotecnologia non è una risposta alla fame nel mondo.
 
PERCHE’ SECONDO LEI, NONOSTANTE I FATTI DIMOSTRINO IL CONTRARIO, LA FAO CONTINUA A PROMUOVERE LA BIOTECNOLOGIA COME SOLUZIONE PER LA FAME NEL MONDO?
 
Le istituzioni internazionali stanno diventando strumenti delle multinazionali che si aggiungono all’Organizzazione Mondiale del Commercio (W.T.O.) e stanno cercando di esercitare la loro influenza politica sui governi dei paesi in via di sviluppo – la maggior parte dei quali sono corrotti – usando le amministrazioni corrotte di questi paesi, inclusa l’India dove queste varietà transgeniche sono entrate persino prima che il governo desse il permesso specifico di commercializzarle. Questo ha causato l’indebitamento di molti contadini. La ragione dei suicidi dei contadini in India è principalmente l’immissione clandestina delle varietà transgeniche, in particolare del cotone BT.
Dei più di 100.000 suicidi di contadini, almeno il 90% sono di contadini che coltivano il cotone ed in questo modo la FAO è stata la causa diretta dei suicidi dei contadini in India.
 
LEI HA DETTO CHE 200.000 CONTADINI SI SONO SUICIDATI. PUO’ SPIEGARCI PERCHE’ L’HANNO FATTO?
 
Come ho già detto, in India le varietà transgeniche di cotone sono state immesse nel mercato prima che il governo desse il permesso formale, senza informare i contadini che era cotone transgenico. Ai contadini è stato detto che erano semplici varietà ad alta resa e sono state vendute in tutti i tipi di condizioni climatiche. I contadini hanno semplicemente creduto alla propaganda del governo ed hanno cercato di coltivare le piante. Molto presto, i parassiti sono diventati resistenti al pesticida. In molti luoghi, nonostante i contadini abbiano usato i pesticidi chimici cinquanta volte per uccidere i parassiti, non sono riusciti a salvare il raccolto. Quindi già il fatto di usare i pesticidi cinquanta volte è stato un fardello economico sufficientemente pesante per loro e la perdita del raccolto è stato un fardello ancora più pesante con il risultato che i debiti sono aumentati e, non sapendo come uscire dai debiti, hanno trovato una facile via d’uscita nel suicidio e nella maggior parte dei casi di suicidi, il modo più facile per loro è stato bere lo stesso pesticida con il quale avevano cercato, invano, di salvare i loro raccolti. Nella maggior parte dei casi si sono suicidati bevendo i pesticidi, in altri casi, molto pochi, i contadini si sono impiccati. Per approfondire…
 
QUALE POTREBBE ESSERE SECONDO LEI LA SOLUZIONE ALTERNATIVA PER LA FAME NEL MONDO?
 
Secondo me la risposta c’è già perché, come ho detto, più di 850 milioni di contadini sono molto, molto lontani dalla scienza moderna, dalla scienza agricola moderna e nonostante questo abbiamo abbastanza cibo per 8 miliardi di persone anche se in questo momento siamo solo 6 miliardi. Ho dimenticato di menzionare un’altra ragione per il cosiddetto “problema alimentare”.
La maggior parte dei cereali che vengono prodotti vengono deviati come cibo per animali. Forse sapete già che, per produrre 1 kg. di carne vengono usati 14 kg. di cereali e se questo potesse essere fermato ci sarebbe un enorme surplus di cibo in questo mondo, quindi l’alternativa c’è già, l’alternativa è la pratica dei sistemi tradizionali di conoscenze agricole da parte di questi 850 milioni di persone che sono molto, molto lontane dalla scienza moderna e se queste tecnologie agricole tradizionali vengono fuse con le conoscenze scientifiche moderne, secondo principi biologici, il problema alimentare può essere risolto molto facilmente. Questo è ciò che dovrebbe essere fatto, ciò che dovrebbe essere fatto dai governanti. Incoraggiare il rafforzamento dei sistemi di conoscenza tradizionali che usano la biodiversità disponibile, che usano le risorse locali disponibili, migliorandole secondo la scienza moderna, naturalmente basata su principi biologici, è l’alternativa e l’umanità deve scegliere questo e non una tecnologia distruttiva che è chiaramente non sostenibile.
 
Ci sono stati molti casi in cui le tecnologie agricole tradizionali sono state usate principalmente nei paesi del Terzo Mondo. Vi darò alcuni esempi. Per esempio nel sud del Brasile più di 200.000 contadini, adottando tecnologie locali, hanno effettivamente raddoppiato il raccolto di mais e grano e in modo simile in Guatemala e nell’India Occidentale, in Kenia e in Messico e molti altri paesi del Sudamerica come Cile e Colombia, usando sistemi agricoli tradizionali hanno effettivamente aumentato la produzione. Queste sono state le osservazioni di contadini che hanno abbandonato l’agricoltura chimica intensiva anche in India e il movimento sta effettivamente crescendo in tutto il mondo; questo movimento deve essere rafforzato. Per rafforzare questo movimento in India abbiamo iniziato un Centro Internazionale per lo Sviluppo Sostenibile chiamato Amrita Bhoomi che, tradotto, significa Pianeta Immortale. Questo è un programma per rendere il Pianeta Immortale e questa è l’unica strada aperta per l’umanità per vedere come l’agricoltura e il cibo possono esistere con la natura senza danneggiarla.
 

 
[(1) Il Prof. M.D. Nanjundaswamy è stato Presidente del K.R.R.S. (Organizzazione dei contadini dello stato del Karnataka) e della Fondazione Amrita Bhoomi fino al giorno della sua scomparsa, il 3 febbraio 2004. L’attuale presidente della Fondazione Amrita Bhoomi è sua figlia Chukki Nanjundaswamy.]
 

Potete leggere il testo completo dell’intervista al Prof. M.D. Nanjundaswamy scaricando gratuitamente l’eBook “DOSSIER OGM: Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici” da al link qui sotto:
Download gratuito eBook “DOSSIER OGM: Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici”
 
Per conoscere tutti i danni causati da semi e cibi transgenici, quali sono le alternative e le possibili vie d’uscita, scaricate l’eBook gratuito “DOSSIER OGM: Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici” Cliccando qui

 
 

CAMPAGNE CONTRO GLI OGM
DELL’ASSOCIAZIONE SUM E LAVIADIUSCITA.NET

 

Laviadiuscita.net é un’iniziativa dell’Associazione SUM. Essa si batte contro gli OGM da quando sono nati. Abbiamo ideato e promosso i più importanti Convegni Internazionali in Italia e all’estero per diffondere le giuste informazioni e denunciare la pericolosità degli OGM, che sono tra gli elementi più pericolosi della Terra, a livello di genocidio mondiale. L’ultimo Convegno avvenuto in Italia é stato quello fatto a Lecce il 20 Febbraio 2010, intitolato “PUGLIA LIBERA DA OGM”. E’ possibile vedere i video su YOU TUBE di questo nostro Convegno dove hanno partecipato i più grandi esperti mondiali, scienziati, ricercatori e contadini che hanno avvisato l’Umanità sulla estrema pericolosità degli OGM.

 
 

CONVEGNO
“PUGLIA LIBERA DA OGM”

 

L’inviolabilità della memoria genetica di tutti gli esseri viventi
per uno sviluppo rurale agroecologico a tutela dei diritti umani.

 

20 febbraio 2010
Castello Carlo V – Salone Maria d’Enghein – Lecce

 

L’Associazione S.U.M., in collaborazione con il Comune di Lecce, ha organizzato questo convegno nell’ambito della sua Campagna “PUGLIA LIBERA DA OGM” ideata e promossa in seguito all’entrata in vigore, dal 1° gennaio 2009, del nuovo Regolamento Europeo 834/2007 che estende anche ai prodotti biologici la soglia di tolleranza dello 0,9% di OGM, senza obbligo di segnalarlo in etichetta, come già avviene da anni negli alimenti e mangimi convenzionali.
Il Convegno è stato un importante momento di informazione e di aggregazione delle forze anti-OGM: tra i relatori invitati erano infatti presenti ricercatori indipendenti di fama internazionale e studiosi che hanno presentato i risultati delle loro ricerche sugli OGM.
L’incontro è stato anche occasione per dare voce alla testimonianza diretta di chi ha già sperimentato i danni causati dalla coltivazione degli OGM in altre parti del mondo.
Alla Campagna “PUGLIA LIBERA DA OGM” hanno già aderito, con delibera, più del 40% dei comuni pugliesi (258), vari enti e associazioni e migliaia di cittadini. L’Associazione SUM ha presentato queste adesioni alla Regione Puglia per testimoniare la volontà di avere una Puglia libera da OGM.
L’Associazione SUM continua a promuovere la Campagna “PUGLIA LIBERA DA OGM”, le delibere di adesione dei comuni sono in continuo aumento.

 

Visualizza il programma del Convegno

Visualizza il manifesto del Convegno

Visualizza il volantino del Convegno
 
 
VIDEO DEL CONVEGNO
 
PUGLIA LIBERA DA OGM PARTE 1
http://youtu.be/oVGp-TPbtJQ
 
PUGLIA LIBERA DA OGM PARTE 2
http://youtu.be/cFqHSCB3Pi0
 
PUGLIA LIBERA DA OGM PARTE 3
http://youtu.be/eLD4gtqFpYw
 
CONVEGNO PUGLIA LIBERA DA OGM
(Salento WebTv)

http://www.youtube.com/watch?v=SmZjJReB744
 
 
Per richiedere il DVD del CONVEGNO contattare:
Associazione S.U.M. – Stati (Popoli) Uniti del Mondo
Casella Postale n° 4 – 73024 MAGLIE (Le) – tel. 0836/484851
statiunitidelmondo@tin.it

 
 

Per conoscere tutti i danni causati da semi e cibi transgenici, quali sono le alternative e le possibili vie d’uscita, scaricate l’eBook gratuito “DOSSIER OGM: Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici” Cliccando qui

 

ATTENZIONE:

 ;

ENTRO QUEST’ANNO SARA’ PRESENTATO IL “PROGETTO COMUNE SANO” PER AVERE COMUNI LIBERI DA OGM E DA OGNI ALTRO TIPO DI INQUINAMENTO NOCIVO ALLA SALUTE E ALL’AMBIENTE.
 
VAI ALLA PAGINA “SOS TERRA” PER LEGGERE LA BREVE PRESENTAZIONE DI QUESTO IMPORTANTE PROGETTO.
 

SOSTIENICI E
RIMANI SINTONIZZATO

 
www.laviadiuscita.net

 
 
 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.