magnify
Home PESTICIDI, ERBICIDI E ALTRE SOSTANZE CHIMICHE I neonicotinoidi sono il nuovo DDT

I neonicotinoidi sono il nuovo DDT

Le analogie tra gli insetticidi neonicotinoidi ed il tristemente famoso DDT sono molte: entrambi erano stati dichiarati assolutamente innocui dalle case produttrici, promossi attraverso studi fuorvianti che ne affermavano l’efficacia a fronte di un basso impatto ambientale, ed entrambi spesso “bypassati” dai governi che ne hanno permesso l’ampio utilizzo. La triste verità è che sia il DDT che i neonicotinoidi a distanza di poco tempo dall’inizio del loro utilizzo si sono rivelati altamente tossici e nocivi sia per l’ambiente che per l’uomo. Basti pensare al gravissimo contributo che i neonicotinoidi stanno dando all’estinzione delle api su tutto il Pianeta…

 

Da un articolo apparso sul sito del The Guardian si apprende che i neonicotinoidi “hanno una tossicità in grado di provocare la morte degli insetti anche in dosi molto basse, questi veleni sono 10.000 volte più potenti del DDT. Se delle api vengono esposte a soli 5 nanogrammi di neonicotinoidi, la metà di loro morirà.”
E le api non sono l’unico insetto a pagarne le conseguenze, difatti anche farfalle ed interi ecosistemi rischiano danni irreversibili a causa di queste sostanze chimiche altamente tossiche ed inquinanti.
 
L’impatto ambientale di queste sostanze è altissimo difatti gli studi dimostrano che solo una quantità che va dal 1,6 al 20% di questi insetticidi viene assorbita dalla coltura irrorata. La parte restante viene spazzata via dal vento causando il rischio di intossicazione e morte per tante altre specie di insetti. In sostanza circa “il 90% dell’insetticida penetra nel terreno” andando poi ad inquinare falde acquifere e così via. Se si considera poi che tali sostanze permangono nel terreno per un periodo di 19 anni, il danno ambientale è assicurato.
 
E’ già stato appurato anche il danno che essi causano nei corsi d’acqua, dove si sono verificate morie di pesci, rane ed insetti.
 
Il rischio che corriamo è davvero alto. Qualcuno potrebbe pensare che questo non sia un problema che riguardi l’Europa e l’Italia dal momento che i neonicotinoidi sono stati vietati dall’Unione europea. Ma non è così. Difatti è stato vietato l’uso solo di alcuni neonicotinoidi, clothianidin e thiamethoxam, ritenuti responsabili della moria delle api, ed inoltre il loro utilizzo è stato vietato solo per alcuni impieghi mentre è ancora concesso per altri.
 
Come documentato nel dossier “Sai cosa causano alla salute PESTICIDI, ERBICIDI e CONCIMI CHIMICI?” scaricabile gratuitamente cliccando qui, sono già molti anni che studi provenienti da diverse parti del mondo hanno documentato e denunciato la tossicità e la pericolosità di insetticidi, pesticidi ed altri composti chimici, evidenziandone anche tutte le gravi ripercussioni che essi hanno sulla salute dell’uomo.
 
Sono molte le sostanze chimiche inizialmente dichiarate innocue ma poi successivamente rivelatesi tossiche, quando ormai era troppo tardi. Quello che stà accadendo anche con i neonicotinoidi è l’ennesima conferma che se non s’impara dall’esperienza fatta si è destinati a ripeterla, il problema è che tutto questo può essere, anzi lo è già, causa di sofferenza, distruzione e morte per l’uomo, la Natura e l’intero Pianeta.
 

www.laviadiuscita.net

 
 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
2 Comments  comments 

2 Responses

  1. marco

    sono un ‘ agricoltore biologico da 1987 sono completamente in accordo col testo letto rivendico tuttavia la mancanza di bugiardini nelle confezioni di prodotti alimentari dove vengono trattati i cibi con sostanze chimiche manca molta informazione , molte persone in buona fede non sa nulla dei pestcidi e dei danni derivati dal’uso e consumo’ io vendo frutta e verdura bio e vi posso assicurare la fatica a informare , ho iniziato a 50 anni a studiare anatomia il corpo umano per capire i danni da pestcidi sul’organismo e informare piu’ che posso

    • admin

      Caro Marco, è vero, purtroppo manca ancora molta informazione riguardo ai gravissimi danni causati alla salute ed all’ambiente da sostanze chimiche come pesticidi, diserbanti, erbicidi, fertilizzanti ecc. Proprio per questo abbiamo realizzato 2 eBook gratuiti che, se non l’avessi già fatto, puoi scaricare liberamente e gratuitamente da questi 2 link che ti riportiamo qui sotto: eBook “Sai cosa causano alla salute PESTICIDI, ERBICIDI E CONCIMI CHIMICI?” (LINK per DOWNLOAD GRATUITO: http://laviadiuscita.net/e-book-pesticidi/) e “DOSSIER OGM – Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici” (LINK per DOWNLOAD GRATUITO: http://laviadiuscita.net/dossier-ogm-3/). Su questi eBook si possono trovare importanti informazioni proprio su questi argomenti. Se vuoi, puoi passare questi link per il “download” anche a chi pensi possa essere interessato a ricevere informazioni su questi importanti argomenti.

      Se ti può interessare abbiamo anche dato il via ad una iniziativa atta a recuperare gli “Antichi Saperi” contadini che rischiano di andare persi per metterli a disposizione di tutti coloro che vogliono farne tesoro ed utilizzarli a loro volta, restituendo così all’agricoltura la sua reale “funzione”, che è quella di sfamare il mondo nel rispetto totale della terra, dell’ambiente e della salute delle persone. Essendo anche tu un agricoltore bio, se hai conoscenze o esperienze in merito puoi contribuire a tua volta alla riuscita di questa importante iniziativa che abbiamo chiamato “SALVIAMO LA TERRA CON GLI ANTICHI SAPERI”. Questo è il link per approfondire le informazioni riguardo questa iniziativa: http://laviadiuscita.net/salviamo-la-terra-con-gli-antichi-saperi/

Leave a Reply

Your email address will not be published.