magnify
Home I MALATI DI POTERE Furgoni pieni di lingotti d’oro in vaticano

Furgoni pieni di lingotti d’oro in vaticano

Valentina Errante
(Fonte: Il Messaggero mercoledì 10 luglio 2013)
 
ROMA Come nei film, con le valigie piene di lingotti d’oro caricate su due furgoni. Lo sfondo è la basilica di San Pietro e a raccontare l’episodio, in un verbale agli atti dell’inchiesta sullo Ior e sugli affari di Nunzio Scarano, è Massimiliano Marcianò, amico intimo del monsignore finito in manette. Il verbale è stato trasmesso a Roma dalla procura di Salerno, che per prima ha avviato l’indagine sull’ex cassiere dellApsa, Amministrazione del patrimonio immobiliare della Santa sede, che funziona come una banca e ha un giro d’affari superiore all’Istituto opere di religione…

 

L’inchiesta sullo Ior rivelazioni di un amico di monsignor Scarano

 

IL VERBALE
 
ROMA Come nei film, con le valigie piene di lingotti d’oro caricate su due furgoni. Lo sfondo è la basilica di San Pietro e a raccontare l’episodio, in un verbale agli atti dell’inchiesta sullo Ior e sugli affari di Nunzio Scarano, è Massimiliano Marcianò, amico intimo del monsignore finito in manette. Il verbale è stato trasmesso a Roma dalla procura di Salerno, che per prima ha avviato l’indagine sull’ex cassiere dellApsa, Amministrazione del patrimonio immobiliare della Santa sede, che funziona come una banca e ha un giro d’affari superiore all’Istituto opere di religione.
 
I LINGOTTI
 
La testimonianza di Marcianò, general manager di Events & Travels, è stata raccolta dalla procura di Salerno che ha iscritto il monsignore sul registro degli indagati per riciclaggio. Giovedì, Macinò più volte intercettato durante le indagini, davanti ai pm e ai militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Salerno, ha dichiarato: “Mi trovavo con Scarano nel piazzale antistante il Vaticano ho visto che venivano caricate delle valigie piene di lingotti d’oro a bordo di due furgoni. Ho chiesto spiegazioni a Scarano: ma voi abitualmente fate queste cose? Ho detto. Lui non mi ha risposto”
 
I DOSSIER
 
A verbale Marcinò racconta anche che Scarano gli aveva riferito di avere preparato dei dossier su tutte le operazioni “torbide” Apsa. Ma poi è stato Scarano a riferire ai pm di Roma di speculazioni milionarie gestite dall’Amministrazione. In particolare di conti Apsa intestati a società fiduciarie estere lussemburghesi o monegasche. Poi altri affari, come i depositi a sei zeri su banche italiane attraverso conti Apsa: i conti venivano spostati da un istituto all’altro in base al rendimento, ma tutto sfuggiva al fisco. Tutte le situazioni gestite dal numero uno Apsa, Paolo Pennini, almeno secondo Scarano e delle quali, lo stesso monsignore, difeso dagli avvocati Francesco CaroloeGrimaldi e Silverio Sica, ha detto di avere parlato al cardinale Tracisio Bertone.
 

 
SOLDI A BEIRUT
 
Davanti al gip Barbara Callari, Scarano, che adesso spera di essere scarcerato dal Tribunale del Riesame, aveva ricostruito l’operazione per la quale è finito in manette con l’accusa di truffa e corruzione. I 20 milioni di euro che, secondo i pm e il monsignore, sarebbero stati il frutto di un’evasione fiscale da 41 milioni degli armatori D’Amico, affidata al broker Giovanni Scarano. Soldi che dalla Svizzera dovevano finire su un conto Ior per evitare i controlli antiriciclaggio, grazie all’intervento dello 007 Giovanni Zito. Adesso Scarano sostiene che quel denaro dovesse volare a Beirut: “I 41 milioni dovevano andare a Beirut, perché è un paradiso fiscale”.

 

www.laviadiuscita.net

 


Fonte: Il Messaggero mercoledì 10 luglio 2013
 
 

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.