magnify
Home VACCINAZIONI 145.000 bambini morti a causa dei vaccini negli ultimi 20 anni

145.000 bambini morti a causa dei vaccini negli ultimi 20 anni

Il programma di vaccinazione infantile raccomandato è cambiato radicalmente nel corso degli anni, arrivando ormai a toccare la media di 30 vaccini, tra cui molteplici combinazioni, prima dell’età di sei anni. E in molti casi, i medici e gli infermieri somministrano una mezza dozzina o più di vaccini tutti in una volta nel corso di una sola visita per risparmiare tempo. Ma secondo i dati di Vaccine Adverse Events del governo Reporting System (VAERS), 145.000 o più bambini sono morti nel corso degli ultimi 20 anni a causa di questo approccio di vaccino multiplo, e alcuni genitori sono consapevoli di questo fatto sconvolgente…

 

In uno studio recentemente pubblicato sulla Human & Experimental Toxicology Journal, i ricercatori hanno valutato il numero complessivo di ricoveri e decessi associati a vaccini somministrati tra il 1990 e il 2010, e confrontato questi dati al numero di vaccini somministrati in una sola volta per i singoli bambini. Ospedalizzazioni e decessi dovuti a una dose di vaccino sono stati confrontati con i decessi avvenuti con somministrazioni da due a otto dosi di vacino insieme. I ricercatori hanno anche valutato l’ospedalizzazione complessiva e tassi di mortalità associati con le dosi di vaccino combinato: 5-8 dosi di vaccino combinato, e 1-8 dosi di vaccino combinato.
 
Dopo l’analisi, il team ha scoperto che più vaccini un bambino riceve in una sola volta, più è probabile che lui o lei possa subire una reazione grave o addirittura possa sopraggiungere la morte.
 
Secondo Heidi Stevenson di Gaia Salute, per ciascun vaccino supplementare che un bambino riceve, la sua probabilità di morte aumenta del 50 per cento – e con ogni dose di vaccino supplementare, le probabilità di dover essere ricoverato in ospedale per gravi complicanze si duplicano. I genitori dei bambini che hanno controindicazioni dopo un solo vaccino tende a rifiutare ulteriori vaccinazioni, come suggeriscono i dati.
 
Il numero totale dei ricoveri e decessi segnalati per un solo vaccino era superiore al numero riportato dopo due, tre, o anche quattro vaccini. Anche se il motivo preciso di questo è sconosciuto, si ritiene che i neonati rientrano in quella categoria di vaccino, e quelli che sono vittime di un singolo vaccino tende ad essere sottratto ad ulteriori vaccinazioni. Una volta che un bambino raggiunge cinque vaccinazioni, tuttavia, il tasso di ospedalizzazione e di morte sale drammaticamente.
 
“I nostri risultati mostrano una correlazione positiva tra il numero di dosi di vaccino somministrate e la percentuale di ricoveri ospedalieri e di segnalazioni di decessi al VAERS,” hanno scritto gli autori nella loro conclusione. “Inoltre, i bambini più piccoli hanno una probabilità significativamente più grande rispetto ai bambini più grandi di essere ricoverati in ospedale o di morire dopo aver ricevuto un vaccino. Dal momento che i vaccini vengono somministrati a milioni di bambini ogni anno, si sa’ per certo che le autorità sanitarie possiedono dati scientifici provenienti da studi di tossicità sinergica su tutte le combinazioni di vaccini che i bambini sono suscettibili di ricevere.”
 
I dati riportati in questo articolo sono davvero allarmanti e devono far riflettere a fondo prima di scegliere di vaccinare i propri figli. Nessun vaccino è sicuro e tutti i neonati sottoposti ad una vaccinazione corrono gravi rischi per la loro salute. Tra gli ingredienti di cui sono composti i vaccini troviamo sostanze altamente tossiche e pericolose. Per un elenco dettagliato degli elementi che compongono i vaccini e per approfondire l’argomento riguardante tutti i danni causati dai vaccini, potete scaricare gratuitamente il dossier: “LE VACCINAZIONI COSA FANNO?” Cliccando qui

 

www.laviadiuscita.net

 


Fonte per questo articolo: http://siamolagente.altervista.org/cose-che-nessuno-vi-dice-145-000-bambini-morti-a-causa-dei-vaccini-negli-ultimi-20-anni/

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.