magnify
Home ALIMENTAZIONE E SALUTE 1.240 scienziati denunciano la tossicità delle sementi OGM

1.240 scienziati denunciano la tossicità delle sementi OGM

ogm tossicità studio - laviadiuscita.net

Oltre 1.240 scienziati chiedono che venga reinserita nella rivista Food and Chemical Toxicology (FCT) una ricerca pubblicata nel 2012 relativa agli effetti tossici del granturco OGM e del RoundUp (vedi foto qui sopra). Si tratta di una massiccia reazione contro un’industria che ha cercato di mettere a tacere scienziati ben qualificati impedendo che venisse pubblicata la verità sugli OGM e Pesticidi collegati, in particolare Disseccanti come Roundup (glifosate) e Glufosinate ammonio…

 

Gli scienziati minacciano di boicottare Elsevier – un fornitore mondiale di informazioni scientifiche – fino a quando la rivista FCT non reinserirà uno studio condotto dalla Gilles Eric Séralini et al., ampiamente discusso nei circoli scientifici e non. Il professor Gilles-Eric Séralini, biologo dell’Università di Caen, ha difatti pubblicato uno studio sugli OGM che mostra in modo inequivocabile come siano dannosi per la salute, evidenziando anche che «l’agricoltura con OGM non può sussistere in modo indipendente dai pesticidi».
Il suo studio è reperibile qui.

 

Campi devastati dal roundup - laviadiuscita.net

Collina devastata dai disseccanti vicino Todi – Umbria
Foto di Giusppe Altieri e Silvia Franzini

 

Uno degli scienziati firmatari ha dichiarato:
«La soppressione di prove scientifiche fatta per salvaguardare degli utili commerciali andrebbe punita per legge. Le aziende del tabacco se la sono cavata per 30 anni prima che il mondo si rendesse conto del problema, ma anche dopo la reazione è stata insufficiente. I rischi posti dalla risposta epigenetica del DNA delle piante a geni estranei è potenzialmente catastrofica, ed il principio della precauzione dovrebbe essere d’obbligo. Censurare una sana ricerca scientifica equivale a giocare con la vita delle persone».
 
Quella che segue è tratto dalle dichiarazione pubblicata da Elsevier in riferimento alla loro ritrattazione:
«La rivista Food and Chemical Toxicology ritira l’articolo “Tossicità a lungo termine dell’erbicida Roundup e di un granturco geneticamente modificato Roundup-tollerante” pubblicato a novembre 2012. Questa ritrattazione fa seguito ad una «profonda e lunga analisi» dell’articolo pubblicato e dei dati che esso riferisce, oltre ad un’indagine sulla valutazione condotta da pari effettuata su di esso. L’Editore rimanda qualsiasi dichiarazione sull’articolo a dopo che l’indagine sarà completata e che le decisioni saranno notificate agli autori».

 
Erosione ed alluvioni Roundup - laviadiuscita.net

EROSIONE ED ALLUVIONI conseguenti alla distruzione dell’humus dei terreni che non trattiene più l’acqua – Foto di Giusppe Altieri e Silvia Franzini

 

Seralini ha giurato che pubblicherà nuovamente la sua ricerca; egli ritiene che ne sia stata cancellata la pubblicazione a causa delle pressioni dei lobbisti e dell’effetto che essa avrebbe causato sull’industria degli OGM. Con la cancellazione del suo lavoro (e nonostante ce ne siano altri che indichino i pericoli degli OGM), industrie come la Monsanto e i produttori del RoundUp possono sempre sostenere che «non esiste un solo studio che dimostri che gli OGM mettono a rischio la salute». Cosa assolutamente falsa. (Nota: per conoscere tutte le gravissime conseguenze causate dall’impiego del Roundup-Glifosato scaricate l’eBook gratuito “IL ROUNDUP – Pericoli e danni causati dal Glifosato” cliccando qui).

 
ROUNDUP Glifosato3 - laviadiuscita.net

Effetti del Diserbante Roundup

 

Maggiori commenti sugli scienziati che sono stati zittiti sul tema degli OGM li potete trovare qui.
Uno dei commenti postati sulla ritrattazione e sul tentativo di zittire gli scienziati coinvolti nella ricerca di Seralini, riassume in modo perfetto la situazione:
 
«I nostri figli sono l’oggetto inconsapevole di esperimenti sugli OGM, ed i loro disturbi alla salute sono schizzati alle stelle. Se le cose procederanno col ritmo attuale, nell’arco dei prossimi 20 anni 1 su 2 dei nostri figli sarà autistico. Nell’arco di 13 anni, i costi del diabete si mangeranno tutto il bilancio federale per la sanità. Attualmente, negli USA il tasso di sterilità è del 30%. Queste patologie – e molte altre – sono state collegate agli OGM ed al glifosato. In tutta America le madri, se smettono con gli OGM, vedono migliorare la salute dei figli affetti da autismo, da disturbi autoimmuni ed da asma. Lo studio di Seralini è un monito che tutte le mamme dovrebbero conoscere. Noi abbiamo scelto di combattere per una maggior consapevolezza, per un’etichettatura che indichi la presenza degli OGM, per il mangiare senza OGM – e preferibilmente biologico – e per il futuro del nostro Paese. E non ci fermeremo. Né ci arrenderemo mai perché l’amore per i nostri figli non finirà mai. Ci sostiene il coraggio indomabile di Seralini ed applaudiamo al suo lavoro.» – ZEN HONEYCUTT

(Articolo di Christina Sarich, fonte: http://naturalsociety.com/hotly-debated-study-gmo-republished-1240-scientists-will-supressed/, tramite: http://muliduri.blogspot.it/

 

Non si può stare a guardare, ora è il momento di AGIRE! Non possiamo permettere il perpetuarsi di questo crimine nei confronti di tutta l’Umanità e di questo meraviglioso Pianeta che ci ospita. Proprio per questo stiamo preparando una Petizione per vietare definitivamente e completamente TUTTI I VELENI USATI IN AGRICOLTURA (pesticidi, erbicidi, OGM, concimi chimici, ecc.). Collabora attivamente dandoci il tuo consenso alla realizzazione di questa importantissima Petizione. Ora hai la possibilità anche tu di far sentire la tua voce, di dire insieme a noi: STOP AI VELENI IN AGRICOLTURA!!!.
Per approfondire e dare il tuo consenso clicca qui, oppure sul logo che trovi qui sotto:
 

banner petizione pesticidi - laviadiuscita.net

 

www.laviadiuscita.net

 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero anche interessare:

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 

Leave a Reply

Your email address will not be published.